Paolo La Motta guarda Capodimonte. Dal 30 Giugno al 15 Gennaio L'artista racconta che da ragazzo, giocando nel Bosco di Capodimonte oltre l'orario di chiusura, ebbe paura di saltare il muro di cinta. La sensibilità plastica delle sue opere non è prigioniera di una specifica scuola o di una sola epoca artistica: La Motta si interessa a tutte le possibilità del linguaggio pittorico e rende la sua opera prova inconfutabile del ruolo che il Museo di Capodimonte ha avuto e continua ad avere sull'arte contemporanea. La materialità degli incontri sensibili museo capodimonte palazzi del centro storico è un tratto distintivo delle sue ricerche pittoriche. Come lo scultore Vincenzo Gemito e il incontri sensibili museo capodimonte Mimmo Jodice, anche La Motta è cresciuto in questo quartiere storico di Napoli che negli anni ha ispirato artisti, come il pittore gallese Thomas Jones e viaggiatori del Grand Tour. La Motta vive in via dei Miracoli, una strada che porta al Moiariello dove Gemito aveva la sua fonderia, a poca distanza da Capodimonte, il museo dove fin da giovane ha scoperto la sua vocazione. Polittico composto da quattro dipinti e da un busto di terracotta, che gioca con la bidimensionalità e la tridimensionalità: Vai alla guida d'arte di Napoli.

Incontri sensibili museo capodimonte take notes!

The historical collections of paintings including two hundred and twentieth centuries. La Motta ha realizzato in sua memoria una scultura in bronzo policromo, raffigurante uno scugnizzo biondo seduto su alcune panche con un pallone da calcio, capace di cogliere il realismo quotidiano alla maniera di alcuni artisti inglesi che non hanno mai rinunciato alla rappresentazione del reale. Paolo La Motta guarda Capodimonte, the Minozzi collection with the artworks from Vincenzo Gemito, the Napolitan Gallery from the 13th century to Baroque and the contemporary art collection. Winston vs Churchill, Battiston eroico al Comunale di Caserta 31 gennaio Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie Accept Reject Read More. Lui è nato a Napoli, nel popolarissimo rione Sanità e qui vive e lavora. Vai alla guida d'arte di Napoli. Share on LinkedIn Share. Alta Terra di Lavoro sui Social Network. Le più belle case. La sensibilità plastica delle sue opere non è prigioniera di una specifica scuola o di una sola epoca artistica: Qui ci sono le tracce degli antichi greci e dei cristiani delle catacombe, ci sono i magnifici palazzi nobiliari e le chiese barocche. Monday to Friday from 9.

Incontri sensibili museo capodimonte

Capodimonte Imaginaire and Incontri sensibili: Paolo La Motta guarda Capodimonte, the Minozzi collection with the artworks from Vincenzo Gemito, The Museo di Capodimonte is also one of the stops of the Citysightseeing bus, line A. By bus or taxi use the Porta Grande Stop, Via Capodimonte. La mostra Incontri sensibili: Paolo La Motta guarda Capodimonte, a cura di Sylvain Bellenger, porta per la prima volta al Museo e Real Bosco di Capodimonte l’opera dell’artista napoletano Paolo La Motta () nell’ambito del ciclo di esposizioni Incontri sensibili, nel quale opere di artisti contemporanei dialogano con la collezione storica di Capodimonte. Dopo Louise Bourgeois e Jan Fabre, il Museo di Capodimonte organizza una nuova mostra del ciclo Incontri sensibili: “Paolo La Motta guarda Capodimonte”. Questa serie di esposizioni, creata nel , si basa sulla volontà di confrontare opere d’arte contemporanea con opere della collezione storica del celebre Museo. Eccolo, nella Reggia-Museo di Capodimonte, con “Paolo La Motta incontra Capodimonte”, una mostra che si inserisce in quel ciclo, “Incontri sensibili”, che accosta opere contemporanee ad altre conservate nel museo.

Incontri sensibili museo capodimonte